Core Update Google : tre consigli per recuperare le posizioni perse in SERP

Google si affida a un algoritmo di base per eseguire la scansione delle pagine dei risultati di ricerca e classificare i siti in base ai più recenti standard di qualità.

Quasi ogni giorno, rilascia uno o più aggiornamenti di questo algoritmo, volti a migliorare sempre di più l’esperienza del ricercatore. Questi update fanno riferimento a un certo cambiamento nel modo in cui il motore di ricerca analizza le informazioni inserite nella pagina Web e mostra i risultati agli utenti che effettuano una determinata query.

Gli aggiornamenti di base di Google spesso arrivano senza preavviso e senza alcuna guida chiara su come recuperare. La maggior parte dei cambiamenti non è evidente, ma capita che di tanto in tanto vengano rilasciati update più ampi che potrebbero sconvolgere completamente le SERP, lasciando i proprietari dei siti web in seria difficoltà.

Uno sguardo agli aggiornamenti più importanti

Nel corso degli anni Google ha rilasciato molti aggiornamenti al suo algoritmo. I più storici e conosciuti sono stati Google Panda (un algoritmo che Google ha introdotto nel 2011, allo scopo di migliorare l’esperienza dei navigatori che sono alla ricerca di informazioni precise e di qualità) e Google Penguin (un algoritmo rilasciato a più riprese dal 2012, allo scopo di ridurre la presenza di siti web che manipolano il posizionamento di una pagina attraverso l’acquisto massivo di link). In seguito a questi aggiornamenti ci si poteva concentrare sul miglioramento della specifica area del sito web che veniva colpita.

Le cose sono cambiate con l’introduzione degli aggiornamenti dell’algoritmo “broad core”: come il famoso Medic Update di Agosto 2018, che ha sconvolto le SERP mondiali, prendendo di mira non solo i siti dedicati alla salute e al benessere, ma tutte quelle piattaforme che mancavano di qualità. In realtà, non sappiamo davvero cosa ci sia dietro a questi aggiornamenti né quali parti della ricerca vanno a migliorare, ciò che è certo è che, nelle settimane successive al rilascio, le SERP oscillano notevolmente.

In particolare, questi aggiornamenti influiscono particolarmente sui siti appartenenti all’ambito Your Money Your Life (YMYL), cioè quelli che trattano argomenti che possono avere un impatto sulla qualità della vita di una persona. Fanno parte di questa categoria:

  • piattaforme  che consentono di effettuare acquisti online o trasferimenti di denaro
  • pagine che forniscono consigli sulla salute, che vendono farmaci, integratori
  • pagine che forniscono consigli su investimenti finanziari, assicurazioni, prestiti
  • pagine con contenuti pericolosi o dannosi

Tra gli aggiornamenti recenti troviamo sia aggiornamenti specifici, che update broad core:

  • July 2021 Core Update – 1 Luglio 2021
  • Page Experience Update – 25 Giugno 2021
  • Spam Updates  – 23 Giugno 2021
  • Product Reviews Update – 8 Aprile 2021
  • June 2021 Core Update – 2 Giugno 2021

E’ possibile verificare l’andamento delle SERP e la corrispondenza con il rilascio di aggiornamenti attraverso strumenti specifici, come Algoroo e Semrush Sensor.

Algoroo

Qual è l’approccio di Google al recupero in seguito ad ampi aggiornamenti di base?

Nel corso degli anni, sono stati forniti messaggi leggermente contrastanti su come sia possibile recuperare da un ampio aggiornamento di base.

Da un lato Google ha affermato, con una comunicazione ufficiale, che non c’è nulla che si possa fare per recuperare traffico e/o posizioni perse in seguito ad un aggiornamento:

Core Update recovery Google

Dall’altro canto, però, John Mueller, Webmaster Trends Analyst di Google, e altri esperti, hanno affermato che, se il sito ha margine di miglioramento è possibile intervenire, ma il recupero non è immediato, richiede notevole tempo, fatica e pazienza. A volte, bisogna aspettare che vengano rilasciati uno o più aggiornamenti successivi per notare dei cambiamenti.

Glenn Gabe Core Update

Tre strategie per recuperare un calo dovuto ad un Core Update di Google

Vediamo quali possono essere tre strategie che i siti web possono utilizzare per recuperare se sono stati colpiti da un aggiornamento dell’algoritmo di base di Google.

1# Migliorare i segnali EAT

Google non è costituito solamente da algoritmi, bot e sistemi di intelligenza artificiale, può contare anche su una rete di persone che controllano, giudicano e contribuiscono indirettamente al posizionamento dei risultati in SERP: i Search Quality Rater.

Il compito dei quality rater è quello di fornire un giudizio qualitativo sui contenuti e sulle caratteristiche tecniche di un sito. Questi valutatori sono alla ricerca di segnali EAT, ovvero competenza, autorevolezza e affidabilità. La comunità SEO si è spesso interrogata sul fatto che i problemi relativi a EAT possano essere causa di un calo nelle prestazioni.

Uno dei modi migliori per recuperare traffico e posizionamento persi a causa di un aggiornamento di Google e proteggersi da danni futuri è quello di studiare le Search Quality Raters Guidelines. In particolare, in merito ai valori E-A-T è importante che il sito dimostri:

  • COMPETENZA DELL’AUTORE. Competenza significa avere un alto livello di conoscenza e capacità in uno specifico campo. E’ valutata in modo primario a livello di contenuto e può essere inserita sottoforma di biografia dell’autore, che può essere scritta sulla pagina o provenire da fonti esterne.
  • AUTOREVOLEZZA DEL SITO. L’autorevolezza si basa sulla reputazione. Considera non solo l’autore, ma anche il contenuto principale della pagina (MC) e l’intero sito web. Per valutare l’autorevolezza si considerano una serie di fattori, da backlink rilevanti di alta qualità, a prestigiosi premi legati al brand, alle menzioni su altri siti e sui social network.
  • AFFIDABILITÀ DEL CONTENUTO. La fiducia si basa sulla legittimità, trasparenza ed accuratezza del sito web e dei suoi contenuti.

È assolutamente fondamentale per i siti, in particolare quelli appartenenti alla categoria YMYL (compresi gli eCommerce), avere un buon EAT.

L’aumento di E-A-T aiuta a potenziare i segnali SEO positivi in ​​diversi modi:

  • Migliora la fiducia degli utenti nei confronti del sito
  • Migliora la visibilità del marchio, aumentando il traffico e gli utenti di ritorno.
  • Migliora la probabilità che i tuoi contenuti o il tuo sito vengano condivisi

Di seguito sono elencati gli elementi su cui è necessario concentrarsi per migliorare l’E-A-T:

  • COMPETENZA

    – Assicurati che ogni articolo sia scritto e attribuito a un esperto con competenze specifiche relative all’argomento del contenuto.

    – Implementa una biografia dettagliata per ogni autore dei contenuti del tuo sito. Inserisci un’immagine, una descrizione della sua esperienza, premi, certificazioni e collegamenti ai profili social. Utilizza il markup dello schema come metodo strutturato per comunicare queste informazioni a Google.

    – Produci contenuti di alta qualità.
  • AUTOREVOLEZZA

    – Sviluppa la tua brand identity e fatti conoscere nella tua nicchia. Crea un’immagine memorabile e basata sull’autorità che induca le persone a desiderare di collegarsi, condividere e menzionare te e i tuoi contenuti.

    – Acquisisci menzioni degne di nota o degne di nota da siti autorevoli. Fai tutto il necessario per ottenere il tuo nome agli occhi del pubblico: pubblica ricerche, vinci premi, condividi post sui social network, fatti notare nelle notizie.

    – Acquisisci backlink autorevoli e pertinenti. Vuoi scoprire come? Chiedici una consulenza per l’attività di link building e digital PR.

    – Implementa i dati strutturati. Usa Schema.org per il markup dei dati strutturati per creare informazioni digeribili sulla tua attività e sui suoi autori.

    – Acquisisci o migliora il tuo Knowledge Graph. Google utilizza la sua comprensione delle entità (concetti, persone, attività commerciali, ecc.) per collegare, comprendere e presentare informazioni da tutto il Web.
  • FIDUCIA

    – Assicurati che le informazioni di contatto e le informazioni sulla posizione siano facilmente accessibili. E’ importante mostrare le informazioni di contatto tra cui e-mail e telefono nel piè di pagina e su una pagina di contatto, insieme a qualsiasi informazione pubblica sulla posizione.

    – Implementare una pagina di politica sulla privacy e termini di servizio. Le politiche di restituzione, la politica di tracciamento e tutto ciò che è necessario per portare il tuo sito alla conformità legale è un must per un sito YMYL.

    – Pubblica contenuti aggiornati, mantienili regolarmente e controlla l’accuratezza dei fatti. I contenuti obsoleti possono essere fuorvianti e poco apprezzati dal motore di ricerca.

    – Acquisisci recensioni positive legittime e pertinenti e gestisci le recensioni negative, per creare una relazione di fiducia con i potenziali acquirenti.

    – Rendi il tuo processo di vendita online altamente trasparente e sicuro. Gli utenti devono sapere esattamente cosa aspettarsi dal prodotto e da ogni aspetto del processo di acquisto. Dovrebbero inoltre essere protetti da attività fraudolente e garantire trasparenza sulle modalità di attuazione di tale protezione.

    – Implementa HTTPS e altre funzionalità di sicurezza del sito web.

Ecco un esempio tratto da Medical News Today che dimostra come dovrebbe essere una pagina YMYL di successo:

Medical News Today

Al contrario, un’altra pagina, che si trova nelle linee guida per i valutatori della qualità di Google, ma non soddisfa gli standard di Google:

ArticlesBase

Questa pagina rientra nella categoria YMYL, ma commette alcuni errori chiave:

  • Non esiste una biografia dell’autore, solo un nome. 
  • Gli annunci occupano gran parte della pagina.
  • I collegamenti sembrano essere link di affiliazione.
  • La pagina è difficile da leggere.

2# Ottimizzare i contenuti del sito

Vuoi posizionarti meglio su Google? Controlla che i tuoi contenuti siano di alta qualità.

Come fare a capire se un contenuto è di qualità? E’ importante fare un’autovalutazione onesta di quello che si va pubblicando. Google consiglia di porsi queste domande:

  • Domande relative a contenuti e qualità 

    I contenuti forniscono informazioni, risultati di relazioni, ricerche o analisi originali?

    I contenuti forniscono una descrizione significativa o completa dell’argomento?

    I contenuti forniscono un’analisi dettagliata o informazioni interessanti non ovvie?

    I contenuti offrono un valore aggiunto significativo e un punto di vista originale?

    Il titolo dei contenuti e/o della pagina fornisce un riepilogo descrittivo e utile dei contenuti?

    Se i contenuti provengono da altre fonti, avete evitato di copiarli o riscriverli? 

    Si tratta del tipo di pagina che aggiungereste ai preferiti, condividereste o consigliereste?

    Questi contenuti potrebbero essere citati in una rivista, un’enciclopedia o un libro?
  • Domande relative alle competenze

    I contenuti presentano informazioni in un modo tale che possiate ritenere affidabili, ad esempio tramite fonti chiare, prove delle competenze di chi le fornisce, informazioni sull’autore o sul sito che le pubblica?

    Se faceste ricerche sul sito che produce i contenuti, avreste l’impressione che questo sito sia affidabile o ampiamente riconosciuto come un’autorità in merito all’argomento?

    Questi contenuti sono stati scritti da una persona esperta o appassionata che conosce oggettivamente bene l’argomento?

    I contenuti sono privi di errori facilmente verificabili relativi ai fatti?
  • Domande relative alla presentazione e alla produzione

    I contenuti sono privi di errori ortografici o stilistici?

    I contenuti sono stati sviluppati con cura o in modo sbrigativo?

    I contenuti vengono visualizzati correttamente sui dispositivi mobili?

    Nei contenuti ci sono troppi annunci che distolgono l’attenzione dai contenuti principali?
  • Domande di confronto

    I contenuti sono molto più utili rispetto ad altre pagine visualizzate nei risultati di ricerca?

    I contenuti sembrano rispondere ai reali interessi dei visitatori del sito?

In breve, i contenuti devono essere utili, completi, educativi, accurati e devono rispondere al meglio alla query posta dal ricercatore. Inoltre, non è importante solo quanto i contenuti siano ben scritti e preziosi, ma anche anche il modo in cui vengono presentati a livello di layout. 

Content Pruning

Il consiglio è quello di chiedere al SEO di fiducia di fare un’analisi dei contenuti del sito per capire se categorie ed articoli sono performanti, o se possono essere migliorati. Capita molto spesso, infatti, che negli anni si producano una marea di articoli inutili, autogenerati, non aggiornati, duplicati, in particolare quando si ha a che fare con siti di grosse dimensioni e blog.

Dopo aver identificato i contenuti che non sono più utili per la strategia SEO, si possono percorrere diverse strade:

  • Eliminare l’articolo definitivamente (status code 410), quando inutile e non performa
  • Eliminare e reindirizzare l’articolo, quando inutile, ma ha acquisito autorevolezza
  • Mantenere l’articolo nel sito, ma aggiornare/ottimizzare a livello di contenuto.

3# Risolvere i problemi tecnici

Migliorare i segnali E-A-T, la qualità dei contenuti e l’esperienza utente è fondamentale per il recupero di un calo delle prestazioni dovuto all’aggiornamento dell’algoritmo, ma anche la SEO tecnica non può essere lasciata da parte. Se Google ha problemi a eseguire la scansione, l’indicizzazione e/o il rendering dei contenuti, tutti gli altri sforzi possono essere inutili.

Alcune opportunità per migliorare la SEO tecnica del sito dopo un aggiornamento di base:

  • Controlla il rendimento ed il rapporto sulla copertura in Google Search Console e cerca di risolvere i problemi riscontrati, in modo da rendere il sito accessibile.
  • Controlla i tempi di caricamento delle pagine del sito: Google, tende sempre più a premiare siti veloci ed in grado di consentire agli utenti di accedere rapidamente alle informazioni di cui hanno bisogno.
  • Controlla i core web vitals, cioè le metriche attraverso cui viene misurata la qualità dell’esperienza di navigazione su un website da parte di un utente; la percezione di usabilità che l’utente ha è un fattore fondamentale per ogni sito, soprattutto eCommerce, per cui il grado di customer experience è diventato il principale fattore di successo, superando la competitività del prezzo.
  • Assicurati che il sito sia fruibile da ogni tipologia di dispositivo, smartphone, tablet, laptop e PC. Con il mobile first index, non è importante che il sito sia solo veloce e performante, ma anche che i contenuti inseriti siano gli stessi su ogni versione.
  • Riduci al minimo gli annunci interstiziali invasivi.
Un esempio di popup invasivo

Calo di traffico e/o posizionamento: dipende solo dagli aggiornamenti dell’algoritmo?

NO! Ci sono decine di potenziali ragioni che possono causare un calo di posizionamento o di traffico. Perciò, se il vostro calo non sembra avere attinenza con gli ultimi aggiornamenti rilasciati dal motore di ricerca assicuratevi di aver vagliato tutte le problematiche possibili.

Innanzitutto, nel caso notiate un calo improvviso nei dati restituiti dallo strumento di monitoraggio, prima di lanciare falsi allarmi, assicuratevi che il problema non sia stato causato da un errore nei tracciamenti, oppure da un problema del sito, oppure ancora da un bug del motore di ricerca.

Se il calo è riferito a tutti i canali di traffico e a tutte le aree del sito, ad esempio, è bene controllare che il codice di Analytics o di Tag Manager siano implementati correttamente. Durante il restyling di un sito infatti, può capitare che lo script venga erroneamente rimosso da alcune pagine. Oppure potrebbero essere stati implementati degli script o dei filtri spam che impediscono il corretto tracciamento dei dati.

Anche i down del server possono avere un impatto negativo sul traffico e sul posizionamento di un sito: se il sito rimane offline per un tempo considerevole il ranking potrebbe calare drasticamente, ma non solo, gli utenti potrebbero decidere di trovare altri siti web da cui acquistare.

E’ anche importante verificare che il motore di ricerca non abbia avuto particolari problemi tecnici. Anche Google a volte commette errori o leggerezze di valutazione, riducendo pesantemente la visibilità a risorse, che successivamente vengono riposizionate correttamente. Il glitch più recente risale proprio a una decina di giorni fa, ed era causato da una fluttuazione delle URL in SERP.

Se, invece, notate che gli utenti visualizzano il sito ma non ci fanno clic, la causa più probabile è che il vostro risultato sia stato surclassato dai competitors. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli altri siti abbiano recentemente aggiornato i contenuti, con parole chiave dall’intento di ricerca più pertinente, oppure abbiano acquisito backlink di alta qualità e, di conseguenza, vengano considerati più affidabili, autorevoli ed interessanti. 

Oppure, se riscontrate una buona perdita di traffico, che coincide anche con un calo di posizionamento, non resta che verificare che il sito non sia stato penalizzato manualmente, entrando nella sezione “Traffico di ricerca” > “Azioni manuali” della Search Console. 

Google emette un’azione manuale nei confronti di un sito quando un proprio revisore ha stabilito che le sue pagine non sono conformi alle norme sulla qualità per i webmaster di Google.

Le azioni manuali più frequenti:

  • Puro Spam: un tipo di penalizzazione inflitta quando vengono utilizzate tecniche di spam aggressive come la generazione automatica di contenuti senza senso, il cloaking ed altre gravi violazioni delle Istruzioni per i webmaster.
  • Contenuto con poco o nessun valore aggiunto.
  • Contenuto nascosto e/o ripetizione eccessiva di parole chiave
  • Link innaturali dal tuo sito e verso il tuo sito.
  • Spam generato dall’utente

Nella Search Console potete trovare anche messaggi relativi a problemi di sicurezza rilevati da Google. Questi informano se il sito è stato compromesso oppure se potrebbe danneggiare i visitatori tramite attacchi di phishing o l’installazione di malware o software indesiderati sul computer degli utenti.

Quali possono sono le tipologie di errori di sicurezza?

  • Ingegneria sociale, ovvero contenuti che inducono con l’inganno i visitatori a fare qualcosa di pericoloso. Ad esempio il Phishing (una forma di ingegneria sociale che induce con l’inganno gli utenti a divulgare dati sensibili (ad esempio, i nomi utente o le password) spacciandosi come una fonte attendibile, oppure i Contenuti ingannevoli (quando i contenuti inducono l’utente con l’inganno a fare qualcosa che si farebbe per un ente fidato es. scaricare un software).
  • Iniezione di contenuti, quando un hacker aggiunge link o testo contenenti spam (es. termini farmaceutici come viagra, cialis, zovirax) alle pagine del sito.

Infine non resta che vagliare l’ultima opzione: l’errore umano, che di solito è più frequente di quanto si possa pensare. Ad esempio:

  • Accessibilità dei contenuti. Esistono numerosi comandi che potrebbero impedire il crawling di una pagina. Il primo passo per verificare che le pagine siano visibili nell’indice di Google è quello di eseguire una ricerca attraverso il comando site. Il secondo step è quello di verificare che tutte le URL importanti siano state indicizzate correttamente. Il terzo step è quello di controllare la copertura in Google Search Console. Se ci sono problemi è bene verificare che le risorse non siano state escluse nel robots.txt o che non siano stati inserite direttive noindex, indicazioni di paginazione o canonical errati sulle pagine. Desideri approfondire l’argomento? Non perdere posto alla nostra masterclass SEO per eCommerce.
  • Implementazione di Javascript. Attenzione! JavaScript è una parte importante della piattaforma web perché offre molte funzionalità, e migliora la user experience complessiva. L’uso del Javascript, però, causa problemi alla SEO, perchè può impedire la visualizzazione di intere pagine o di alcuni tuoi contenuti nella Ricerca Google. Perciò è importante capire diagnosticare e risolvere i problemi.
  • Migrazione del sito incompiuta. La migrazione di un sito è un’operazione piuttosto delicata, che richiede grande attenzione e diverse accortezze. Farla al meglio è essenziale, se si vuole evitare di perdere traffico, posizionamento e autorevolezza acquisite nel tempo. Ma non solo, è fondamentale per evitare che l’utente si trovi in SERP le pagine del vecchio sito indicizzate, che al clic restituiscono un errore 404. Se dopo il restyling di un sito si riscontra un calo improvviso di traffico o di posizionamento è bene controllare che il lavoro sia stato svolto correttamente. Non sai come fare? Contattaci per una consulenza!

SEO per STORE MANAGER

Ecco il nostro libro che spiega il nostro metodo di lavoro con ben 15 casi studio al suo interno. Guida all’acquisizione di un metodo per ottimizzare e dare maggiore visibilità al tuo e-commerce, brand o azienda.

Ideale per SEO, store manager, imprenditori e proprietari di e-commerce.

Vuoi aumentare la tua visibilità online?

Parlaci del tuo progetto

In questo articolo...

Potrebbe interessarti anche...