e-Commerce e SEO internazionale

Hai la necessità di raggiungere nuovi utenti all’estero? Stai valutando la possibilità di realizzare un sito web multilingua nel 2022 e non hai ancora ben chiara l’idea di quali sono le linee guida e le più opportune pratiche da seguire per ottimizzare la strategia di posizionamento sui motori di ricerca all’estero? La lettura di questo articolo allora fa al caso tuo.

Motori di ricerca, Paesi, aree geografiche

Per prima cosa, è necessaria fare una distinzione tra i motori di ricerca utilizzati nelle varie aree geografiche del pianeta. Ad esempio, se consideriamo Google per il mercato italiano, la versione fornita nel 99% dei casi è Google Italia, raggiungibile dal dominio google.it.

All’estero invece vengono forniti altri punti di partenza su cui effettuare una ricerca, ad esempio in Germania si accede a google.de, in Francia a google.fr e via scorrendo. Questo significa che ognuno di essi è indipendente dall’altro.

Puoi effettuare un test fin da subito! Se hai Google Chrome installato sul tuo Pc/Mac, apri una nuova finestra in modalità anonimo ed effettua una nuova ricerca su google.it, ad esempio prova a cercare “fifa 22”.

Metti da parte la finestra del browser ed apri una nuova finestra sempre in modalità anonima ed accedi a Google Germania, aggiungendo il parametro querystring ?hl=de dopo il tld .de, in questo modo:

https://www.google.de?hl=de

Dovresti visualizzare la homepage tradotta in tedesco. A questo punto bisogna sovrascrivere le coordinate geografiche per far credere al browser che nel momento in cui effettuiamo una ricerca ci stiamo trovando in Germania.

Ora accedi alla modalità sviluppatore del browser Chrome (tasto destro > ispeziona oppure tasto F12 su sistema Windows) oppure utilizza i comandi rapidi CMD+Shift+P (MAC) o CTRL+Shift+P (Win); clicca su “Customize and control Devtools” > More tools > Sensors, ti apparirà una finestra simile a quella che trovi nello screenshot sottostante.

Accedere al modulo Sensors del Chrome Dev Tools

In location, seleziona “Berlin”, dovresti veder cambiare i valori di latitudine, longitudine e Timezone ID

Puoi scegliere la location su cui il tuo browser poi si geolocalizzerà

Effettua la ricerca e poi scorri fino a fondo pagina. Nell’area footer troverai le informazioni sull’attuale geolocalizzazione. Dovrai “aggiornare la posizione” cliccando sul tasto apposito, ad esempio “Genauen Standort verwenden” per Google Germania e consentire al browser la lettura della posizione, premendo su consenti (vedi screenshot sottostante).

La finestra apparirà vicino alla barra di ricerca nella parte alta della finestra del tuo Browser web

Se tutto è andato a buon fine, dovresti veder cambiare il nome della città. A questo punto effettua nuovamente la ricerca dalla barra dei risultati di ricerca Google e confronta i risultati con Google.it

Esempio di geolocalizzazione browser basata su Berlino

Come potrai ben vedere, i risultati di ricerca (SERP) sono completamente differenti, i risultati organici (non a pagamento), il carosello delle news, lo snippet in primo piano e i video.

estratto della SERP di Google Italia
Altro estratto di SERP di Google Italia
estratto SERP google.de
Altro estratto SERP google.de

Ora che hai capito la differenza fra le varie versioni di Google per Paese, è doveroso considerare altre 2 cose: non esiste solo Google (1) e in alcuni paesi si parla più di una lingua (2)

Non esiste solo Google

In alcuni Paesi del mondo, seppure in percentuale nettamente minore, le persone sono abituate ad utilizzare motori di ricerca differenti da Google.

Secondo i dati forniti da statista.com (fonte: https://www.statista.com/statistics/216573/worldwide-market-share-of-search-engines/), le persone tendono ad utilizzare Yahoo, Bing. E in Paesi altamente popolati, come Cina e Russia, si utilizza rispettivamente Baidu e Yandex.

Come scritto prima, ogni motore di ricerca è un contenitore a sé stante, con logiche e dinamiche differenti che influiscono sulla visibilità di un e-commerce.

Paesi e lingue utilizzate

In moltissimi Paesi del mondo si utilizzano più lingue differenti, basti pensare al Canada dove la popolazione è divisa tra lingua inglese e lingua francese, oppure la Svizzera dove si parla Tedesco, Francese ma anche Italiano. E anche in questi casi, a seconda del tipo di zona, vengono forniti risultati di ricerca completamente differenti!

Homepage Google Canada per pubblico in lingua inglese
Homepage Google Canada per pubblico in lingua francese

Perché tutta questa spiegazione? Semplice, molti imprenditori e proprietari di e-commerce pensano che per vendere all’estero con l’e-commerce basti avere un dominio, uno spazio web e una piattaforma su cui caricare il proprio catalogo prodotti. È invece una questione molto più complessa e fin da subito va pensata una strategia ad hoc da mettere in pratica a seconda del Paese o target geografico che si vuole aggredire.

Ad ogni lingua/target geografico il suo e-commerce

Come abbiamo scritto all’inizio, ogni lingua/target geografico restituisce dei risultati di ricerca specifici pensati per soddisfare il pubblico proveniente da quel paese/area geografica e possiamo verificarlo analizzando i risultati delle prime ricerche effettuate all’inizio dell’articolo.

Se presti attenzione, noterai che alcuni risultati presenti in google.de sono legati a domini con Tld (top level domain) .de. oppure sono pagine ospitate su domini .com e raggiungibili da directory /de/

Questo perché quel tipo di pagina è progettata e configurata per essere raggiungibile dal pubblico che utilizza google.de (localizzazione geografica).

Alcune tipologie di siti web non solo forniscono la versione linguistica specifica, ma intercettano anche l’area geografica. Ad esempio cercando “Fifa 22” su google.ch?hl=de (Google Svizzera in lingua tedesco) troverai risultati simili a quello riportato nello screenshot sottostante.

https://www.redbull.com/ch-de/fifa-22-ultimate-team-weekend-league-neuerungen

Analisi linguistica e strategia multilingua: il caso UK vs USA

Un’altra cosa da tenere a mente sono le differenze linguistiche fra Paesi che parlano la stessa lingua, come ad esempio Stati Uniti e Regno Unito.

Ortografia, vocabolario, verbi in forma passata e nomi collettivi sono assai differenti nei 2 paesi e questa cosa al motore di ricerca pesa moltissimo. Dovrai quindi valutare la possibilità di fornire 2 tipologie di contenuti che trattano lo stesso argomento ma scritti per servire due target linguistici differenti, se vorrai essere raggiungibile in entrambi i Paesi.

Nelle schermate sottostanti, potrai notare la differenza dei volumi di ricerca di 2 termini differenti che stanno a significare la stessa cosa in base alla destinazione geografica.

Nei paesi del Regno Unito, c’è maggiore tendenza a cercare un appartamento con il termine “flat” piuttosto che con il termine “apartment”, mentre negli Stati Uniti, l’intento di ricerca è praticamente identico.

In poche parole…

Se prevedi delle attività di posizionamento organico all’estero, dovrai dunque prevedere tutta una serie di attività che aiuteranno i motori di ricerca a comprendere al meglio quali sono le versioni linguistiche corrette da fornire ai visitatori, a seconda della lingua o target geografico.

Quindi, anche se il tuo e-commerce prevede la gestione multilingua/multi mercato ma possiedi solamente un dominio con estensione .it e vuoi posizionarti all’estero, ciò non ti basterà!

Inoltre, dovrai fornire dei contenuti scritti sulla base delle abitudini linguistiche utilizzate dal target specifico, fare un copia/incolla della traduzione dei tuoi testi in italiano non servirà assolutamente a nulla.

E-commerce multilingua e visibilità sui motori di ricerca: pratiche comuni

  • (Prima cosa – fondamentale – da svolgere prima di parlare con l’agenzia di sviluppatori!!!) Analizza la concorrenza per valutare tutte le opportunità e stimare i costi e gli sforzi necessari per competere sui risultati di ricerca nel medio/lungo periodo;
  • assicurati di avere a disposizione un dominio per ogni versione linguistica che desideri potenziare;
  • puoi utilizzare le directory a patto che il tld del tuo dominio sia .com;
  • puoi utilizzare le directory per differenziare 2 versioni linguistiche differenti per lo stesso paese;
  • affida la scrittura dei contenuti a un copywriter professionista e madrelingua, non fidarti del traduttore di Google;
  • progetta un’architettura informativa per ogni target geografico, il copia/incolla non ti basterà;
  • Molte volte, il customer journey di un utente si differenzia anche a seconda della destinazione geografica;
  • Progetta delle vie di navigazione basate sullo studio del comportamento e delle ricerche effettuate da un singolo target geografico.

Affidati a un team competente e pianifica per tempo tutte le attività prima di pubblicare online!

SEO per STORE MANAGER

Ecco il nostro libro che spiega il nostro metodo di lavoro con ben 15 casi studio al suo interno. Guida all’acquisizione di un metodo per ottimizzare e dare maggiore visibilità al tuo e-commerce, brand o azienda.

Ideale per SEO, store manager, imprenditori e proprietari di e-commerce.

Vuoi aumentare la tua visibilità online?

Parlaci del tuo progetto

In questo articolo...

Potrebbe interessarti anche...

Ricerca interna e SEO – I vantaggi

Recentemente abbiamo parlato dell’importanza della ricerca interna per la web analytics, analizzando come utilizzare i dati ricavati dalla ricerca interna dei visitatori del nostro e-commerce per migliorare i prodotti ed