Cosa sono i TLD e come sceglierli

Breve guida per la scelta dei Top Domain Level per il mercato internazionale

TLD è l’acronimo utilizzato per il dominio di primo livello. È l’ultimo segmento di un nome di dominio dopo il punto finale.
Un ottimo esempio di TDL è: .com

I top domain level si possono poi suddividere in :

  • gTLD – Domini di primo livello generici
  • sTLD – Domini di primo livello sponsorizzati
  • ccTLD – Domini di primo livello con codice paese

Il TLD gioca un ruolo importante nel Domain Name System (DNS) e per l’indicizzazione del sito / e-commerce su mercati diversi da quello di riferimento.

Supponiamo di avere un sito con url www.miosito.it e che la nostra necessità sia quella di posizionarci in un mercato internazionale in lingua inglese o in un mercato di riferimento con una lingua specifica.

Ecco quindi le considerazioni che dovremo fare prima di scegliere il nuovo TLD

Scegliere il dominio migliore può fare la differenza

Se si sta cercando un nuovo dominio per cominciare a fare attività di marketing online su un mercato estero la soluzione migliore è quella di optare per l’estensione di paese nella quale ci si vuole proporre:

  • https://www.nomesito.es per il mercato spagnolo
  • https://www.nomesito.com per il mercato globale
  • https://www.nomesito.co.uk per il mercato dedicato all’Inghilterra

in questo caso il .es e gli altri vengono chiamato ccTLD. I ccTLD utilizzano codici di due lettere per indicare agli utenti e ai motori di ricerca in quale paese, stato sovrano o territorio dipendente è registrato un sito web.

Il PRO di scegliere un ccTLD specifico per ogni paese è quella di indicare in maniera chiara al motore di ricerca per quale lingua si compete sulla SERP e sarà più facile posizionarsi per parole chiave specifiche nelle rispettive lingue straniere.

Sottodirectory:

In questo caso avremo un ccTLD di questo tipo:

  • https://www.nomesito.com/en per la lingua inglese
  • https://www.nomesito.com/it per la lingua italiana
  • https://www.nomesito.com/de per la lingua tedesca

I PRO in questo caso sono il minor dispendio in termini di mantenimento del dominio e una maggiore facilità nel consolidare l’autorità del dominio in senso globale.

I CONTRO sono invece una diminuita percezione da parte dei motori di ricerca dell’autorità nelle lingue straniere del dominio, quindi sarà un po’ più complesso aggredire le serp in lingua, inoltre gli utenti prediligono siti con ccTLD locale (.it, .de, ecc.) in rapporto a siti con lingue in sottodirectory (/en/, /de/, ecc.)

Sottodominio:

In questo caso avremo un ccTLD ancora diverso:

  • https://en.nomesito.com per la lingua inglese
  • https://it.nomesito.com per la lingua italiana
  • https://de.nomesito.com per la lingua tedesca

L’ unico PRO di questa soluzione è che sia di facile gestione, in quanto dal punto di vista della creazione di sotto domini non ci sono particolari limitazioni.

I CONTRO invece sono molto importanti, nel senso che i motori di ricerca li considerano sicuramente di minore impatto nei confronti di ccTLD locali o di sotto directory, oltre a ciò l’autorità del dominio viene notevolmente “diminuita” a discapito del posizionato organico generale. Anche in questo caso gli utenti preferiscono un ccTLD come sotto directory in rapporto ai sotto domini

Parametri lingua:

Ci possono essere delle piattaforme per realizzare siti ed e-commerce che gestiscono nativamente o tramite plug-in le lingue straniere tramite l’utilizzo di parametri “appesi” alle url (chiamati gTLD), com è possibile vedere di seguito.

https://www.nomesito.com/?lang=it-IT per la lingua italiana
https://www.nomesito.com/?lang=en-EN per la lingua inglese
https://www.nomesito.com/?lang=de-DE per la lingua tedesca
ecc.

In questo specifico caso il PRO risiede nel fatto che il sito venga replicato in maniera automatica nelle varie lingue.

I CONTRO sono dovuti al fatto che dal punto di vista SEO le url contenente parametri sono difficilmente posizionabili, inoltre se non correttamente gestiti questi parametri possono creare contenuti duplicati che non solo riducono drasticamente l’autorità del sito, ma ne pregiudicano il posizionamento.

Se tutte queste opzioni non sono percorribili l’unica cosa che puoi fare è quella di utilizzare un nuovo dominio per identificare il sito e/o e-commerce per il paese in cui ti vuoi posizionare.

  • https://www.nomesitogermany.com per il mercato tedesco
  • https://www.nomesitousa.com per il mercato americano
  • https://www.nomesitofrench.com per il mercato francese

In questi casi, tuttavia, si deve prendere in considerazione il fatto che il dominio non ha (molto probabilmente) nessun tipo di storicità, parametro che Google interpreta in maniera significativa per il posizionamento organico) e di conseguenza le attività SEO dovranno essere molto più mirate e impiegheranno molto più tempo ad ottenere risultati.

Una cosa da evitare accuratamente è di non avere strutture miste per posizionare il sito nelle varie lingue:

  • https://www.nomesito.com per il mercato globale in lingua inglese
  • https://www.nomesito.com/it/ per il mercato italiano
  • https://de.nomesito.com per il mercato tedesco
  • https://www.nomesito.com/?lang=fr-FR per il mercato francese

L’esempio riporta nomesito.com come main url e le varie tipologie di ccTLD e gTLD per gestire le varie lingue, ciò comporta per il motore di ricerca una enorme difficoltà di scansione e conseguentemente di indicizzazione.

core-web-vitals-guida-seo

Tutto quello che devi sapere sui Core Web Vitals e su come arrivare preparato al Google Page Experience Update

Come fare in modo che il vostro e-commerce arrivi preparato all’imminente aggiornamento di algoritmo previsto per maggio 2021?

Ultimi articoli dal blog .

Monica Brignoli

L’intento di ricerca (detto anche Search Intent o User Intent) è l’obiettivo principale, più o meno esplicito, che ha un utente nel momento in cui …

Lorenzo Schiff

Da molti mesi specialisti SEO e webmaster sono in fermento per un aggiornamento algoritmico di Google che diventerà effettivo a Maggio 2021: Google Page Experience. …

Massimo Fattoretto

Caso studio SEO per settore Medico – Calvizie Ecco i risultati che abbiamo portato grazie alla consulenza SEO per Yetkin Bayer, clinica per trapianto di …

Luisa Colombo

Quante volte è capitato di trovarsi di fronte a clienti che alla domanda “Quale obiettivo vuoi raggiungere con il tuo sito?” abbiano risposto dicendo: “Voglio …