Audit SEO contenuti: il metodo strategico

Supponiamo che il tuo blog esista da tre anni. In questo tempo, sei riuscito a pubblicare, in media, un nuovo post due volte a settimana, per un totale di circa 300 articoli.

In ogni caso, a meno che tu non li abbia aggiornati frequentemente, è piuttosto improbabile che stiano ancora tutti generando un solido flusso di traffico organico – e conversioni – al tuo sito web.

Ed è proprio per questo che siamo qui oggi: il nostro obiettivo è fare in modo che i tuoi contenuti, quelli già esistenti, funzionino ancora e al meglio.

Dopo aver letto questo post, sarai in grado di eseguire un’efficace verifica dei contenuti in chiave SEO per il tuo blog, che si tradurrà in un elenco di ottimizzazioni utilizzabili e in un importante aumento di traffico organico e conversioni.

Ecco quindi il nostro metodo per poter redarre un Audit SEO dei contenuti, differenti dai classici Audit SEO tecnici per e-commerce.

Are you ready? Let’s go!

Cosa intendiamo per audit dei contenuti SEO?

Un audit dei contenuti SEO rappresenta il processo di valutazione degli articoli già esistenti sul tuo sito web per determinare come puoi ottenere più traffico organico di migliore qualità per ogni pagina.

L’obiettivo dell’audit è identificare quali pagine conservare, quali ottimizzare e quali eliminare.

N.B.: non tutti i contenuti vengono creati per essere classificati da Google.

Ad esempio, potresti scrivere di eventi, interviste, notizie aziendali, ecc. Come probabilmente già saprai, la ricerca organica non sarà mai il canale di distribuzione principale per questo tipo di articoli. E fin qui, tutto bene.

Perciò, prima di iniziare, vorremmo che tu prestassi attenzione anche alle strategie di distribuzione e promozione al di fuori del campo della ricerca organica, in modo da non finire per sbarazzarti di post potenzialmente validi adottando strategie alternative.

Detto questo, possiamo iniziare 😉

Domanda: Come posso monitorare il contenuto del mio blog?

Seguiremo un processo piuttosto standard che consiste in 5 passaggi.

STEP 1 – Crea un inventario

La prima cosa che dovrai fare sarà trasferire alcuni dati relativi al traffico organico in un foglio di lavoro Excel.

Potresti farlo con il buon vecchio copia/incolla, ma si consiglia vivamente di usare Google Analytics. Infatti, questo strumento ti farà risparmiare davvero tantissimo tempo in questo passaggio.

Raggruppa quindi gli articoli del tuo blog.

Parti dal quadro generale.
Poi, considera il traffico mensile totale e il traffico organico mensile totale in riferimento all’anno.

  • Fonte dati: Google Analytics
  • Seleziona visualizzazioni in ordine decrescente
  • Seleziona date: ultimi 12 mesi (utilizzo mesi interi per rendere i dati confrontabili)
  • Opzioni: cerca di evitare il campionamento dei dati di Google Analytics

Un’altra cosa che vorremmo facessi già a questo punto è utilizzare uno strumento SEO come Ahrefs o SEMrush per individuare le keyword con cui quegli articoli si posizionano, o per individuare i DR o DA delle singole URL.

STEP 2 – Classifica i tuoi post e recupera i dati pertinenti ogni gruppo

Pensare in termini di framework SEO KPI può essere utile. In breve, i tuoi contenuti e i KPI SEO possono essere suddivisi in 3 categorie:

  1. Obiettivi di conversazione (ad es. Ranking e backlink)
  2. Obiettivi informativi (ad es. Iscrizioni newsletter, webinar e download di contenuti)
  3. Obiettivi transazionali (ad es. lead generation e vendite)

Per semplificare questo esempio, diciamo che ci interessano solo 2 obiettivi:

  • Massimizzare il traffico organico e i backlink ai miei post in cima al funnel
  • Massimizzare il traffico organico e le demo fino alla fine dei post del funnel

Ecco perché suddivideremo tutti i nostri post in 2 categorie: quelli che creiamo per l’awareness, e quelli che creiamo per le conversioni.

Categoria 1: Awareness e backlink

La nostra prima categoria è dedicata ai post in cima al funnel, che in genere hanno come target una parola chiave con volume di ricerca (relativamente) elevato e che pubblichiamo in modo che più persone possano conoscere “Fattoretto Agency” come una risorsa utile per tutti i dati di marketing.

Questi post non parlano molto di “Fattoretto Agency” – alcuni di loro non menzionano nemmeno i nostri prodotti. Mirano invece a keyword pertinenti per il nostro pubblico.

L’obiettivo di questi post è ottenere davvero tanta attenzione e migliorare l’authority di dominio con backlink di alta qualità. Ecco perché esamineremo questi post insieme a:

  • ranking delle keyword
  • volume di ricerca
  • traffico organico
  • la nostra parte in riferimento a quel traffico
  • numero di backlink

Quando hai ripetuto questi passaggi in tutti i post in cima alla canalizzazione, hai finito!

È ora di passare agli articoli money maker. 💰

Categoria 2: lead generation

La seconda categoria è dedicata ai post che parlano attivamente di “Fattoretto Agency” e portano i lettori ad avviare un contatto.

Esempi tipici includono post su report, casi studio, modelli di dashboard, annunci di nuovi prodotti, nonché tutti i tipi di tutorial…

Per essere in grado di valutare il rendimento relativo di questi post, esamineremo:

  • ranking delle keyword
  • volume di ricerca
  • traffico organico
  • tasso di conversione dal traffico organico

STEP 3 – Analizza i tuoi dati

Ora che hai i tuoi dati ben organizzati in due o più categorie (in base ai tuoi obiettivi), è il momento di passare alla parte divertente: l’analisi.

Potresti voler prestare attenzione ad aspetti come:

  1. Calo / aumento del traffico organico
  2. Come si è evoluto il traffico organico per post negli ultimi 12 mesi?
  3. keyword con cui ti sei posizionato

Questa analisi riguarda la correlazione tra la tua posizione nelle SERP e la quantità di traffico organico (e lead generation) che stai ricevendo rispetto al volume di ricerca per la tua keyword principale.

Suggeriamo di vedere ed analizzare anche i tassi di conversione delle singole pagine che portano contatti, per cercare di introdurre elementi di trust per aumentare appunto i lead.

In Fattoretto Agency ad esempio utilizziamo una dashboard di business intelligence per avere subito in evidenza gli articoli da modificare o aggiornare.

STEP 4 – Prendi decisioni mirate e intelligenti

Ora è il momento di iniziare a prendere decisioni mirate e ben pensate su ogni signolo post del blog.

In poche parole, elaboreremo una “raccomandazione” per ogni post utilizzando i dati che abbiamo appena raccolto e analizzato. E se hai bisogno dell’approvazione di un cliente o di un capo per apportare tali modifiche, ti consiglio anche di giustificare brevemente ognuna di queste.

Le tue opzioni per ogni post saranno:

Mantenere l’articolo

Ciò significa che si consiglia di non toccare affatto il post, il che normalmente significa che il contenuto in questione ha:

  • prestazioni migliori della media nella rispettiva categoria
  • oppure è così ‘nuovo’ che non hai ancora dati sufficienti per trarre le tue conclusioni

Ottimizzare l’articolo

Questo può voler dire qualsiasi cosa, per esempio:

  • Ottimizzare il post per indirizzare una parola chiave diversa, migliore, o più di nicchia
  • Ottimizzare la pagina, ovvero modificare il post per abbinare meglio l’intento di ricerca rafforzando il post, rimuovendo sezioni o sostituendo le informazioni scadute con nuove conoscenze
  • Ottimizzare le conversioni, ovvero sfruttare al massimo i tuoi post ad alto traffico e con poche conversioni
  • Combinare due o più post esistenti per creare una risorsa più completa riguardo un determinato argomento
  • Trovare modi per promuovere attivamente, distribuire e ottenere backlink a post che non si classificano a causa dell’elevata concorrenza

Eliminare l’articolo o re-indirizzarlo

Questa è l’ultima risorsa e viene salvata per i post che sono:

  • Talmente vecchi e obsoleti da non offrire più alcun valore ai loro lettori (gli esempi includono vecchi riepiloghi di eventi, informazioni scadute e potenzialmente dannose sui prodotti, suggerimenti del settore obsoleti e migliori pratiche ecc.)
  • Non ricevono traffico da canali organici o di altro tipo; la keyword non vale la pena di essere scelta come target; non ci sono altre opportunità di targeting per parole chiave; non vi è alcun motivo commerciale logico per tenere il post

N.B. è giusto riassegnare un post esistente a una categoria diversa quando noti un’opportunità. Ad esempio, solo perché i nostri articoli sui rapporti di marketing basati sull’account e sui rapporti HubSpot non stanno attualmente convertendo molte nuove demo, non significa che non potranno farlo in futuro.

N.B.2 se hai dei tag dove il numero degli articoli associati è <7, puoi considerare la rimozione del tag e di accorpare gli stessi verso un’altra tag.

In ogni caso, una volta che hai ripetuto questo processo per tutti i tuoi post, ecco che il controllo dei contenuti SEO è ora terminato! 👏

STEP 5 – Segui il tuo programma

Prima di chiudere il discorso, vorremmo darti alcuni suggerimenti pratici per aiutarti a seguire il tuo elenco audit per l’ottimizzazione.

  • Inizia annullando la pubblicazione di tutti i post che hai preso in considerazione per quest’attività, e reindirizzando tali URL a una pagina pertinente del tuo sito web se lo ritieni necessario. Che tu ci creda o no, questo è, in genere, il modo più rapido per aumentare il traffico organico al tuo blog.
  • Assegna la priorità al restante elenco audit per l’ottimizzazione. Stima il tempo e l’impegno delle risorse e assegna le attività a liberi professionisti e membri del team, ove possibile. Dovresti arrivare a una chiara pianificazione rispetto quando avrai completato l’intero progetto, insieme a chi farà cose, come, e quando. Riferirai infine i risultati al tuo capo o cliente.

Una volta che il tuo piano di lavoro è pronto e approvato, è ora di rimboccarsi le maniche!

Buona ottimizzazione! 📈

Vuoi aumentare la tua visibilità online?

Parlaci del tuo progetto

In questo articolo...

Potrebbe interessarti anche...

Cumulative Layout Shifts (CLS) – La Nostra Guida

Si avvicina sempre più il momento in cui l’aggiornamento algoritmico Google Page Experience diventerà effettivo.Rimandato ufficialmente a Giugno 2021, questo aggiornamento introdurrà nuove metriche di cui abbiamo già parlato nel