Cannibalizzazione keyword tra contenuti

Che voi siate esperti SEO, copywriter, content manager o semplicemente proprietari di blog, molto probabilmente vi sarete imbattuti, anche per caso, ad affrontare questa tematica, specialmente se il sito web/blog che curate ha uno storico importante ed un enorme quantità di articoli pubblicati alle spalle. Il problema principale è il seguente: arriva quel momento in cui inevitabilmente un sito web tende a presentare inconsapevolmente ed in maniera ridondante i propri contenuti tramite la pubblicazione di articoli che, seppure differenti a livello di corpo del testo, affrontano lo stesso argomento.

Cosa significa questo? Che lato motori di ricerca, state offrendo agli spider due contenuti distinti che trattano lo stesso argomento.

Per chi non lo sapesse, una delle best practies volte ad incrementare la visibilità del proprio sito web sui motori di ricerca consiste nell’offrire agli spider pagine con contenuti univoci ed originali; negli ultimi anni si è evoluto a tal punto di riuscire a comprendere se, due contenuti trattano o meno lo stesso argomento, nel caso in cui incappi in una situazione in cui 2 pagine trattano lo stesso valore, potrebbe avere dei problemi nel comprendere quale sia il contenuto da considerare e quindi mostrare nel proprio indice nel momento in cui un visitatore esegue una ricerca affine all’argomento trattato in entrambi i contenuti.

Come individuare il problema in termini pratici: l’utente 1 esegue una ricerca ed il motore di ricerca offre il contenuto A, una settimana dopo un altro utente (2) esegue la stessa ricerca del primo ed il motore di ricerca questa volta offre il contenuto B.

Che cos’è la Cannibalizzazione delle keyword?

Questo fenomeno si definisce con il termine Cannibalizzazione per via del fatto che le 2 pagine si cannibalizzano a vicenda, perdendo entrambe in termini di punteggio di qualità attribuito dal motore di ricerca e conseguente visibilità sui risultati di ricerca stessi.

Altri metodi per individuare il problema

Il primo metodo è stato spiegato nel paragrafo precedente, fondamentalmente per una determinata keyword, il motore di ricerca propone all’utente 2 URL differenti. Esistono strumenti online come Google Search Console e SEMrush che permettono ai webmaster di individuare il problema.

Il secondo metodo è utilizzare uno degli operatori di ricerca Google.

Dalla barra di ricerca si digita:

 intitle:“query di ricerca” site:ilvostrosito.boh

Query di ricerca corrisponde appunto alla query di ricerca mentre ilvostrosito.boh sarà l’url del sito web.

Con questa istruzione, il motore di ricerca restituirà tutte le pagine indicizzate del sito ilvostrosito.boh che nel title contengono la query digitata.

Se vedete più di un risultato molto probabilmente avete individuato un problema di keyword cannibalization.

Nello screenshot di esempio che trovate qui sotto, il sito web presenta 3 tipologie di contenuto che seppur differenti nel corpo pagina, hanno lo stesso intento di ricerca.

esempio di serp con pagine soggette a cannibalizzazione

Il terzo metodo consiste nell’utilizzare Google Search Console.

Dalla sezione “rendimento”, si crea un filtro digitando la query interessata, successivamente si apre il tab “pagine”, in questo modo vedremo tutti gli url che hanno ricevuto clic ed impression quando è stata utilizzata la query di ricerca. Solitamente gli url da prendere in considerazione sono quelli che hanno ricevuto maggiori clic/impressioni e si vanno ad escludere gli url con ancora appesa, in quel caso all’interno del post sicuramente è attivo un table of content e da motore di ricerca, gli utenti accedono all’url ancorato tramite lo snippet proposto nel risultato di ricerca.(vedi esempio sotto)

esempio di snippet con link interni
elenco degli url soggetti a cannibalizzazione (quelli che ricevono più clic e impression)

Metodi di prevenzione cannibalizzazione keyword

Analisi degli intenti di ricerca

Quando si è in fase di analisi keyword, quindi ancora prima di definire i contenuti da scrivere (es. piano editoriale) è molto importante analizzare gli intenti di ricerca, ovvero eseguire una serie di ricerche sul motore di ricerca, utilizzando query differenti, in maniera da studiare i risultati proposti.

Quando si analizza l’intento di ricerca si deve prestare attenzione a:

  • Composizione della SERP, ovvero quali pack restituisce il motore di ricerca, ad esempio, nel caso di Google, il pack degli annunci a pagamento, il local pack, il knowledge graph, il pack per le immagini, gli annunci shopping ecc.)
  • Page title e meta description dei risultati di ricerca organica, individuare la keyword principale e la sua collocazione nel page title, studiare il campo semantico presente in pagina
  • Contenuto interno, necessario assolutamente aprire le pagine dei concorrenti organici per capire che tipo di contenuto propongono, quale campo semantico utilizzano, quanto in profondità entrano nell’argomento ricercato

È un passaggio essenziale perché ci permette di valutare se 2 query di ricerca offrono gli stessi risultati o risultati di ricerca differenti.

Analisi dell’alberatura del sito web/blog

Analizzando l’alberatura potrete individuare tutti i gruppi di pagine attualmente pubblicati online. Per analizzare l’alberatura vi servirà un software tipo Screaming Frog Seo Spider (per siti di grosse dimensioni) e un software per creare mappe mentali come ad esempio Xmind.

La visualizzazione grafica dell’alberatura vi permetterà di individuare con più facilità i contenuti del sito pubblicati online e quindi individuare possibili duplicazioni di contenuto che causano la keyword cannibalization.

Definizione di un piano Editoriale

Il piano editoriale è uno strumento di marketing, ovvero un documento in cui si stabilisce date e modalità di pubblicazione di un gruppo di contenuti rivolti ad uno o più tipologie di pubblico, esistono varie tipologie a seconda del mercato.

Avere un piano editoriale sempre aggiornato vi permetterà di non perdere mai la bussola e diminuire le probabilità di generare contenuti duplicati nel medio/lungo periodo.

Potenziamento dei link interni fra gli articoli

Potete aiutare i motori di ricerca a capire quale articolo è più importante, impostando una struttura di collegamento interna decente, collegando i post che sono meno importanti ai post che sono i più importanti per voi in maniera tale che il motore di ricerca comprenda quale deve essere il contenuto principale.

L’operatore di ricerca “query” site:nomesito.com potrebbe aiutarvi a scegliere con più facilità quali pagine utilizzare per l’interlinking di una determinata sezione.

Considerazioni finali sulla cannibalizzazione delle keyword

Queste attività sono molto importanti e non vanno sottovalutate. Trascurando l’ottimizzazione dei post e non curando il piano editoriale del vostro blog, potreste incrementare la probabilità che il vostro sito web venga penalizzato sui motori di ricerca.

Vi invitiamo a leggere ed approfondire la tematica visitando la pagina dedicata a questo caso studio di penalizzazione SEO: https://fattoretto.agency/caso-studio-penalizzazione-seo-zoneriflesse/

Piccolo Spoiler 🙂

Se avete bisogno di aiuto per progettare un piano editoriale a prova di motore di ricerca perché non sapete da dove iniziare o vi serve aiuto per comprendere al meglio le logiche dei motori di ricerca, non esitate a contattarci!

Ultimi articoli dal blog .

Christian Paggiarin

Si chiude la porta del 2020 e si apre con il botto il 21! In questo nuovo anno cureremo la Seo e la Digital PR …

Christian Paggiarin

Negozio digitale specializzato in tappetini e vasche baule su misura per auto, MTM Shop ha deciso di avvalersi della nostra consulenza SEO in ottica della prossima migrazione da Magento 1 …

Enrico Ardizzon

Migrazione SEO e Digital PR: accoppiata vincente per Ghisanativa Ecco i risultati che abbiamo portato grazie alla consulenza SEO e Digital PR per potenziare il …

Iacopo Bernardini

La scrittura è un atto creativo, tra i più persuasivi della comunicazione. Spesso però il web (e non solo) impone vari vincoli da rispettare, come …