Google Analytics e Search Console: perché i dati non corrispondono?

“I dati di Google Analytics e di Search Console non tornano, puoi vedere se c’è qualche errore su Analytics?”.

Questa penso sia una delle 5 domande più frequenti che ricevo dai nostri clienti: i dati di Google Search Console risultano diversi da quelli di Google Analytics (tipicamente la metrica più incriminata è quella delle pageviews, confrontata con i click), e questo genera il timore che i dati siano in qualche modo sbagliati. 

Timore comprensibile e fondato, visto che si tratta di click che in maniera più o meno diretta devono portare un ritorno economico, ed è per questo motivo che con questo post spero di dare una risposta a tutti coloro che almeno una volta si sono posti questa domanda.

Due strumenti, due scopi

Per comprendere la discrepanza bisogna innanzitutto ricordare che Google Analytics (GA) e Google Search Console (GSC) sono due strumenti che funzionano in modo molto diverso e che hanno scopi diversi.

I dati e gli insight forniti da GA servono a comprendere l’attività e il comportamento dei visitatori all’interno del sito, e come il sito stesso sta performando in termini di user engagement e di raggiungimento degli obiettivi.

GA è quindi uno strumento incentrato sull’utente. Anche laddove GA offre una visione sulla performance delle pagine web, lo fa con lo sguardo orientato alle azioni che l’utente compie durante la sua visita.

GSC, invece, è focalizzato sulle performance di un sito relative alla search visibility.

I dati che esso fornisce hanno lo scopo di aiutare i publisher a capire come il loro sito si comporta nel risultati di ricerca di Google, e ad individuare e risolvere problemi di indicizzazione e di visibilità.

Le differenze nei dati spiegate

Dal momento quindi che i due servizi sono stati progettati per scopi diversi, essi raccolgono ed elaborano i dati in modi diversi, per questo motivo i dati non potranno mai combaciare.

Ecco l’infografica con le principali differenze:

Di seguito le principali ragioni tecniche che spiegano le differenze:

  1. Una delle prime motivazioni della discrepanza è la definizione stessa di “traffico di ricerca”: per GA Google Discover è incluso nel traffico organico, mentre GSC non lo prende in considerazione e lo mostra all’interno di un report separato. Google Discover, ex “News Feed”, è il servizio che propone, nella pagina Google dei browser mobile (ma anche nella app dedicata alle news di Android), una serie di contenuti potenzialmente di interesse per l’utente, che cambiano dinamicamente. L’utente che accede alle news posizionate in questa categoria, quindi, non utilizza la barra di ricerca. A seconda dell’azienda e del business, la percentuale di traffico organico che arriva da Google Discover può arrivare anche al 25%, e ciò dimostra quanto i click di GSC e le pageviews di GA potrebbero differire già solo a causa di questo elemento.
  2. GA inoltre, come sappiamo, si basa su javascript che potrebbero essere bloccati per vari motivi: per citare i più comuni, javascript disabilitati nel browser, estensioni privacy-oriented installate nei browser stessi che bloccano GA, banner della cookie policy.
  3. Dal momento che GSC non è affetto dai blocchi di cui sopra, per proteggere la privacy degli utenti alcuni dati vengono omessi dai report, in particolare le query contenenti dati personali o sensibili e quelle che hanno un volume di ricerca minimo.
  4. Un’altra differenza deriva dalla modalità di aggregazione dei dati relativi alle url delle landing page: mentre GSC mostra le landing page aggregate per canonical URL e ha un limite di 1000 url registrate al giorno, GA mostra la url effettiva di ogni landing page e non ha limiti nel numero di righe.
  5. Altri elementi infine che, seppur di minore impatto, danno comunque il loro contributo, sono legati al tempo di elaborazione del dato (pari a diversi giorni su GSC) e al fuso orario, che in Google Analytics è scelto dall’utente mentre in Search Console corrisponde sempre a quello della California.

In conclusione quindi, ben venga un approccio di analisi integrato che prende in considerazione dati provenienti da diversi strumenti, ma non dobbiamo dimenticare che ogni strumento ha un proprio funzionamento e scopo.

Pertanto la correttezza dei tracciamenti Analytics va valutata con gli appositi strumenti a disposizione e non tramite il confronto con ltri tool, in quanto la non corrispondenza porterebbe sicuramente a preoccupazioni ingiustificate.

SEO per STORE MANAGER

Ecco il nostro libro che spiega il nostro metodo di lavoro con ben 15 casi studio al suo interno. Guida all’acquisizione di un metodo per ottimizzare e dare maggiore visibilità al tuo e-commerce, brand o azienda.

Ideale per SEO, store manager, imprenditori e proprietari di e-commerce.

Vuoi aumentare la tua visibilità online?

Parlaci del tuo progetto

In questo articolo...

Potrebbe interessarti anche...

Come tracciare le campagne drive to store in GA4

Nonostante la continua crescita dell’e-commerce, le ricerche ci dicono che nel 2022 l’80% degli acquisti retail avviene ancora negli store fisici. Questo dato va letto nell’ambito di un’evoluzione del ruolo

Come cancellare dei dati da GA4

Del tema della rimozione dei dati da Google Analytics si è parlato molto negli ultimi mesi, a causa del dibattito sul tema della privacy e del trasferimento dei dati fuori

Gli articoli più letti...

Agenzia Link Building

servizio di link building Domina le SERP e raggiungi i tuoi clienti in modo intelligente! 3 buoni motivi per scegliere un’agenzia di Link Building. Aumentare il Posizionamento Grazie al nostro

Consulenza SEO

consulenza seo da 15 anni In un mercato dove tutti offrono tutto, ci occupiamo di consulenza SEO da oltre 15 anni. Negli ultimi 4 anni abbiamo creato team specifici per

Migrazione SEO: la guida per non sbagliare

Tutto sulla migrazione SEO di un sito web: che cos’è, perché va fatta, come effettuarla correttamente per non perdere traffico e visibilità online La migrazione SEO rappresenta l’insieme delle attività